Mi dai una mano?

"Certo che SolidWorks mi è diventato un po’ pesante ultimamente."
"Mah, quanti moduli hai attivato? Mi fai vedere lo schermo?"

La religione spiegata da mio figlio*

Padre: "Ma tu lo sai cos’è la religione?"

Figlio: "No".

Padre: "Come, hai la maestra di religione e non lo sai?"

Figlio: "Be’, ho la maestra, ma non so cos’è la religione".

Padre: "La religione è l’insieme delle cose che…"

Figlio: "Che riguardano Dio!"

Padre: "Quindi lo sai?"

Figlio: "Sì, insomma, si vede che lo sapevo".

Padre: "Ma ce n’è una sola di religioni?"

Figlio: "No, c’è una signora che ogni tanto viene a scuola a parlarci del suo paese;
ci ha fatto i tatuaggi sulle mani, che pasticcio!
Lei una volta ci ha anche mostrato il suo libro, che è senza figure".

Padre: "E tu ci credi alla religione?"

Figlio: "Be’, diciamo che quando muoio e vado in paradiso lo chiedo al nonno Lauro,
se siamo davvero in paradiso o è solo un sogno; però c’è un problema".

Padre: "Quale?"

Figlio: "Che non so se lo riconosco, perché in paradiso si ringiovanisce tutti un pochino".

Padre: "Ma tu sei sicuro di questa cosa?"

Figlio: "Ma sii, lo sanno tutti, è ovvio no?"

Padre: "Be’, per il nonno non sarà un problema: da giovane era quasi uguale".

Figlio: "Ma come lo sai, che non eri ancora nato?"

Padre: "Dai, ci sono le foto".

Figlio: "Allora facciamo così: un po’ prima di morire controllo tutte le foto, così ce le ho presente".

Padre: "Ci tieni tanto a rivedere il nonno Lauro, eh?"

Figlio: "Sì, papà, tanto. Buonanotte".

Padre: "Buonanotte, topino".

* ultimo anno materna

Le mamme non sono stupide, ma la pubblicitĂ  funziona

Spesso chi promuove i sostituti del latte materno e gli strumenti per somministrarli
si appella al fatto che “le mamme non sono stupide” e sono in grado
di compiere la scelta di allattare al seno nonostante la pubblicità,
che orienterebbe all’acquisto solo le mamme che hanno già compiuto
tale scelta in favore dell’alimentazione mista o artificiale.

Certamente le mamme non sono stupide:
per questo chi progetta le campagne pubblicitarie fa riferimento
a un vasto corpus di studi sulle tecniche di persuasione,
che considerano tutti gli aspetti della psiche umana nel processo di scelta,
quelli più prettamente cognitivi ma soprattutto quelli emotivi.

Se si pensa che le neo-mamme vivono una delle esperienze più intense
dal punto di vista emotivo, si può capire come un pubblicitario che sa fare
il suo mestiere abbia un enorme potere anche con un target niente affatto “stupido”.

Per approfondimenti, vedere IL CODICE VIOLATO.

Wunderbar*

A me dopo un laurea filosofica in Estetica, mi danno ancora dell’estetista…
(nel migliore dei casi "esperto in cose dell’Est…?")

mi scrive RondoneRomano qui (da non perdere il suo post sul peso della politica)

Consólati.
Anna un giorno, in un bar di Bologna, si è sentita chiedere "Ma che facoltà fai?".

Alla risposta "Scienze dell’Educazione" ha ricevuto un riconoscente:
"Ma sì, brava, CHE CE N’È TANTO BISOGNO".

Rondone, visto che ormai sei un orientalista,
non ti resta che specializzarti in cinismo ;-)

* mè, cal bar lè, an l’ho mai catè…

Capita anche a voi?

Non solo non ho lo stomaco di seguire lo specifico link,
ma queste cose mi fanno passare la voglia di seguire qualsiasi "dibattito".

In questo periodo molte ragioni per non accendere la TV
si aggiungono alle tante che già ho.

Richard Dawkins and bats

Ma guarda cosa trovi su Youtube…
I chirotteri sono stati una mia passione fin da quando ero piccolo
(vabbe’, assieme ai coleotteri, la chimica, i dinosauri, l’elettronica, le mappe geografiche, etc. etc.)